Halloween e Brass Rubbing ad Edimburgo

Edimburgo, vado ciao, Loredana de Michelis

Chi se lo ricordava più che da piccoli c’era un gioco, quello di posare un foglio bianco su una moneta da 10 lire e sfregarci sopra la matita per avere una fedele copia in negativo. 

Un divertimento che ora in Inghilterra richiama entusiasti da tutto il mondo. La libreria di Edimburgo ha dovuto attrezzarsi per evitare che le lastre di ottone sbalzato posate sulle tombe di antichi cavalieri fossero ridotte a piatte lavagnette per colpa dei fanatici del Bass Rubbing: trova una tomba, srotolaci sopra della carta che si fa sempre più tecnologica e passa un pastello ad olio colore metallizzato. Torna a casa, incornicia e stupisci gli amici con la tua collezione. 
C’è chi ne ha fatto una mania, unendo la ricerca archeologica al furto di immagine in qualche modo concreto. I quadri che si ottengono sono suggestivi: sembrano delle radiografie medievali e hanno una loro speciale radianza, come le foto dei fantasmi.


Non che il brass Rubbing sia un’invenzione moderna, esisteva da quando esiste la nostalgia: ci sono reperti di stoffe su cui è stato fatto il rubbing con il carbone, per portare con se l’immagine di un viso scolpito, quando si partiva e si andava lontano. Era anche un’antica forma di fax-fotocopia: effigi, scritte, blasoni e simboli di appartenenza a sette segrete venivano così trasmessi senza rischio di falsificazione.

Alla libreria di Edinburgo ora c’è uno spazio dedicato, al coperto, per i tombaroli meno avventurosi e quelli meno avvezzi al freddo di una lastra di metallo poggiata su un pezzo di granito in una Chiesa non riscaldata.
Si sceglie il tipo di carta, il colore dei gessetti e via a giocare, in ginocchio, scoprendo la storia palmo a palmo per poi, sporchi e contenti, portarsene a casa un pezzettino.

Alcuni si dedicano solo ai simboli celtici che si trovano un po’ dappertutto in Inghilterra e il cui significato si presta a molte interpretazioni: sono particolarmente affascianti e non si può fare a meno di credere che strofinandoli come la lampada di aladino, per ottenerne un’immagine in qualche modo simile ma diversa, succederanno cosa magiche e si sprigioneranno antiche forze misteriose.



Nessun commento: