La Venezia di Corto Maltese


Venezia, corto maltese, vado ciao, Loredana de Michelis

“Ogni volta che i veneziani sono stanchi di chi li governa, se ne vanno in posti segreti, e quando aprono le porte che si trovano al fondo di questi cortili, partono per sempre per posti meravigliosi e storie diverse.”

(Cit. Hugo Pratt. Corte Sconta detta Arcana)

Corto Sconto è la miglior guida all’atmosfera di Venezia, ricca di aneddoti, informazioni storiche, sociali e architettoniche che non sono mai scontate o impersonali.
Sei porte che si aprono su sei percorsi diversi fuori dalla folla, tra cui l’Oro, l’Amore, il Mare e l’Oriente.
Un libro bellissimo anche solo da sfogliare, punteggiato di disegni che riproducono piccoli particolari delle facciate veneziane e della loro storia, che si incrocia con quella dei veneziani di allora e di oggi, di Hugo Pratt e della sua ispirazione.
Non manca nulla, sono menzionati i musei, i palazzi storici, i locali più tradizionali e il loro piatto migliore. Non manca neppure qualche singolare ricetta veneziana e l’origine di alcuni proverbi.
Le mappe sono ovviamente in stile Pratt e le indicazioni sono quelle che si avrebbero chiedendo ad un veneziano: passa il ponte, svolta a destra, cammina fino alla statua, girale intorno e troverai il posto.
Venezia torna ad essere quello che è sempre stata: un’avventura. E così camminando si riesce persino a percepire l’aroma del sigaro di Corto Maltese in persona, come se ci avesse appena preceduti, svoltato l’angolo della prossima stradina. 


© Loredana de Michelis

Questo articolo è pubblicato anche su www.gabrieleametrano.com



Nessun commento: